Rick Santorum si è ritirato

Di tutti i posti dove potevo trovarmi il giorno che Rick Santorum ha annunciato commosso a Gettysburg “la fine di una campagna elettorale miracolosa”, non avrei mai creduto di poter essere nella mia vecchia camera di Perugia. O forse speravo di essere altrove, visto che il giorno in cui mi sono imbarcato al Jfk, un piccolo presentimento in realtà lo avevo. Purtroppo mi scadeva il visto e non potevo fare diversamente. Negli ultimi giorni Bella, la figlia dell’ex senatore che ha tre anni e una malattia genetica gravissima che raramente permette di sopravvivere al primo anno di vita, era stata ricoverata in ospedale. Era già successo qualche mese fa. Santorum ha prima interrotto la campagna, poi ha deciso di sospenderla, una formula che implica il ritiro ma permette di continuare a raccogliere fondi. L’ex senatore ha organizzato una conferenza stampa improvvisa a Gettysburg, in Pennsylvania, poi ha chiamato Romney per comunicargli la notizia, infine ha reso pubblica la decisione presa in famiglia. In realtà credo che non siano state le condizioni di Bella a spingere Santorum verso il ritiro, ma piuttosto la paura di perdere nel suo stato, la Pennsylvania, dove si voterà il 24 aprile. Negli ultimi sondaggi infatti l’ex senatore era stato sorpassato da Romney nello stato che aveva rappresentato in Congresso e che già lo aveva bocciato sei anni fa alle elezioni di metà mandato. Con la sconfitta in Pennsylvania la campagna di Santorum sarebbe diventata semplicemente un mezzo fallimento. La nomination era comunque già in mano a Romney, che ora potrà raggiungere la soglia dei 1.144 delegati senza troppi problemi. In gara restano anche Newt Gingrich, che ha vinto appena due stati, e Ron Paul. Romney corre da solo, le primarie, praticamente, sono finite. Ora comincia ufficialmente la guerra a Barack Obama. Romney sarà infatti libero di concentrarsi sulle elezioni presidenziali del prossimo 6 novembre quando, salvo improvvisi terremoti, sfiderà Obama. Per quanto mi riguarda, il viaggio delle primarie termina qua, ma cercherò comunque di seguire la campagna elettorale di Obama e Romney. Sto solamente pensando a come finanziare il viaggio, e un’idea già ce l’ho.

Advertisements

Leave a comment

Filed under viaggio

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s