Newt e la portaerei

Ieri pomeriggio ho fatto una bella passeggiata sul waterfront di Charleston, sono passato per l’ex mercato degli schiavi e ho visto qualche vicoletto che sembrava più appartenere a un paesino del sud della Francia che a una città americana. Essendo terra di evangelici, durante il percorso ho incontrato un sacco di chiese. Ancorata al watefront c’era una nave da crociera e dall’altra parte del fiume Cooper si vedeva in distanza una portaerei, una di quelle cose che mi attraggono sin da bambino e che non ho mai avuto l’occasione di visitare. Un paio d’ore dopo a soddisfare i miei desideri ci ha pensato Newt Gingrich, che ha deciso di spostare il suo ultimo rally prima del voto dal North Charleston Coliseum proprio al ponte della portaerei.

Il comizio è stato poi spostato nella pancia della USS Yorktown, visto che pioviccicava. C’era abbastanza gente, tanti giovani per un vecchio politico come Gingrich, parecchie tipiche famiglie del sud, e anche qualche sostenitore dei Tea Party, come il signore qua sotto.

Mentre aspettavamo c’era un gruppo di ufficiali eletti che intratteneva gli spettatori. La banda che suonava un po’ di bluegrass era rimasta bloccata sul ponte. A un certo punto prende la parola un energumeno e inizia una preghiera collettiva. Sgrano gli occhi, non me lo aspettavo. Il tizio incrocia le mani e abbassa la testa, tutti lo imitano, e comincia a ringraziare il signore e a chiedergli la forza per sconfiggere Barack Obama. Ero sicuro che prima o poi lo avrebbe chiamato con la N-word, riferendosi al colore della pella presidenziale, ma credo si sia trattenuto.

Gingrich è arrivato tardi, ha fatto il paraculo chiamando sul palco i boy scout e promettendo i lavori al porto di Charleston, poi si è dedicato al book signing.

La portaerei in realtà non è più in servizio ma ormai è diventata un museo. All’interno c’erano un sacco di aerei degli anni quaranta e cinquanta. Prima di andarmene a cena mi sono fatto un giro, ovviamente.

 

Advertisements

Leave a comment

Filed under viaggio

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s